Come bloccare siti indesiderati?

Come proteggere i figli dalle insidie del Web

I bambini di oggi sono tremendamente intelligenti e precoci soprattutto per quanto riguarda la capacità di utilizzare i mezzi tecnologici. Sorprende vedere bambini di tre anni e anche meno smanettare perfettamente a loro agio con lo Smartphone dei loro genitori ed ottenere ciò che vogliono, i giochi con cui divertirsi e manovrare con disinvoltura il telefonino.

Non stupisce, quindi, che appena riescono a scrivere e leggere manovrino anche il PC a loro piacimento, navigando con più facilità di tanti adulti ed è questo, fino all’adolescenza avanzata, il periodo in cui è necessario prestare più attenzione alla navigazione internet messa in atto dai figli. Sai molto bene le insidie che si nascondono sul Web, molte finiscono anche in fatti di cronaca drammatici che vedi in TV, per cui è assolutamente necessario intervenire per mettere dei limiti alla navigazione, per tutelare i figli rispetto ai rischi di cui i genitori sono consapevoli ma che i ragazzi sottovalutano o ingenuamente non considerano.

Si pone, quindi, il problema di come fare per evitare che nella loro navigazione sul Web i tuoi figli vadano su siti inadeguati o comunque da te indesiderati, a loro giusta tutela, come ad esempio i siti per adulti o siti chiaramente rivolti alla violenza, un problema serio, che attrae inspiegabilmente tanti giovani che sembrano aver perso buona parte dei valori positivi, attratti fatalmente dai valori negativi che portano alla trasgressione di ogni genere e livello, fino anche a gesti estremi richiesti da certi “giochi” anche finiti nel mirino delle autorità recentemente.

Vediamo allora come bloccare siti indesiderati, fermo restando il ruolo, il dovere di ogni genitore di vigilare sulle attività dei propri figli, anche a costo di passare per “impiccioni” e di generare per questo, talvolta, anche attriti familiari.

Come bloccare siti indesiderati sul PC

Il modo migliore per bloccare siti indesiderati è intervenire attraverso il tuo Browser, installando delle estensioni già previste che ti permettono di indicare quali siti bloccare, una manovra semplice ed efficace; la maggior parte dei PC nelle case utilizzano Google Chrome e per questo affronteremo l’argomento “Blocco dei siti” tramite tale Browser. L’estensione Block Site consente di bloccare specifici siti semplicemente aprendoli e selezionando dal menù la voce adeguata a questo scopo.

Operativamente devi semplicemente collegarti alla pagina di download dell’estensione sul Chrome Web Store e cliccare il pulsante “Aggiungi” in alto a destra e poi sul pulsante “Aggiungi Estensione” a seguito del quale dovrai attendere alcuni istanti che il software provveda all’installazione che sarà confermata con un apposito messaggio.

Fatto questo ti devi collegare al sito che intendi bloccare e attendi il caricamento della pagina e poi clicca su un punto qualsiasi della schermata; ti verrà proposta l’azione “Block This site” cliccando sulla quale il sito è immediatamente bloccato. I ragazzi sono astuti più di quanto si possa pensare e potrebbero riuscire ad aggirare il blocco, per questo è opportuno che proteggi con una password per la modifica di impostazioni dell’estensione.

Un’altra cosa che puoi fare con la stessa estensione, è bloccare i siti per adulti, per farlo devi cliccare sull’icona dell’estensione e selezionare la voce “Adult control” spostando poi il cursore su “ON” presente nel riquadro “Adult Related”. Ripeti l’operazione anche con la levetta relativa alla voce “Block URL’s by specific word” immettendo le parole “proibite” che conducono a certi tipi di sito, queste ricerche contenenti tali parole saranno bloccate.

Analoghe possibilità esistono anche per i telefonini, sia Android che iOS e Windows 10 Mobile, forse anche più importanti da bloccare che il PC poiché gli Smartphone in mano ai figli vengono utilizzati spesso senza alcuna possibilità di controllo da parte dei genitori, preparati, però, a gestire i reclami dei ragazzi ma con la convinzione che ciò che stai facendo è legittimo e per il loro bene.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *